Cortisolo e Peso Corporeo

Cortisolo e Peso Corporeo

Il cortisolo è uno dei tanti ormoni prodotti dall’organismo che funge da messaggero chimico. Sebbene comunemente indicato come l’ormone dello stress a causa del suo ruolo nella risposta a tale, ha una serie di altre importanti funzioni. Alcune persone si chiedono se i livelli di cortisolo abbiano un’influenza anche sul peso corporeo. Questo articolo descrive il potenziale effetto del cortisolo sull’aumento di peso, inclusi alcuni modi per ridurne i livelli nel corpo.

Cortisolo e come Influisce sul Organismo

Il cortisolo è un importante ormone steroideo che appartiene a una classe di ormoni chiamati glucocorticoidi. È prodotto nelle ghiandole surrenali che si trovano appena sopra i reni. Oltre ad aiutare nella risposta allo stress del nostro corpo, i suoi altri ruoli includono: aumento della glicemia, riduzione dell’infiammazione, soppressione del sistema immunitario e aiuto nel metabolismo dei nutrienti. Il cortisolo viene generalmente rilasciato in stretta relazione con il ritmo circadiano, e circa il 50-60% di esso viene rilasciato con i primi 30-40 minuti di veglia, per poi scendere durante la giornata. La sua produzione e rilascio è regolata dalla ghiandola pituitaria e dall’ipotalamo. Durante i periodi di maggiore stress, il cortisolo e l’adrenalina vengono rilasciati dalle ghiandole surrenali, questo innesca un aumento della frequenza cardiaca e dei livelli di energia, preparando il nostro organismo ad una situazione potenzialmente dannosa. Sebbene questa risposta sia normale, i continui aumenti del cortisolo possono portare a effetti collaterali negativi.

I Livelli di Cortisolo Influenzano il Peso

Tra i numerosi fattori che influenzano il peso corporeo, la regolazione ormonale è importante. Mentre gli ormoni come il cortisolo sono solitamente tenuti entro un intervallo ristretto dal sistema endocrino del nostro organismo, ci sono alcune situazioni in cui possono diventare bassi o elevati.

Livelli Elevati possono favorire un Eccesso di Cibo

Piccoli aumenti dei livelli di cortisolo in risposta allo stress sono normali e non è probabile che causino effetti collaterali negativi. Tuttavia, in alcuni casi, i livelli di cortisolo possono rimanere cronicamente elevati. Ciò è solitamente dovuto o allo stress o ad una condizione come la sindrome di Cushing, che fa sì che i livelli ematici di cortisolo rimangano alti. Quando i livelli di cortisolo rimangono elevati cronicamente, possono verificarsi i seguenti effetti collaterali: aumento di peso, ipertensione, fatica, cambiamenti di umore, irritabilità, viso arrossato, assottigliamento della pelle, difficoltà a concentrarsi, resistenza all’insulina. Quando si è sotto stress cronico, può essere difficile mantenere abitudini alimentari sane. Uno studio su 59 donne sane, ha trovato un’associazione tra livelli elevati di cortisolo e un aumento dell’appetito, che potrebbe potenzialmente promuovere l’aumento del peso corporeo. Inoltre, un altro studio ha trovato un’associazione tra una maggiore risposta al cortisolo e una maggiore quantità di grasso addominale in un gruppo di 172 uomini e donne, suggerendo che il cortisolo più alto può portare a mangiare di più. Detto questo, i livelli di stress e cortisolo non sono sempre direttamente correlati, quindi sono necessari più dati per stabilire una relazione diretta.

Livelli Bassi possono causare Perdita di Peso

Proprio come alti livelli di cortisolo possono causare aumento del peso corporeo, bassi livelli possono causare perdita del peso corporeo in alcuni casi. L’esempio più estremo è nella malattia di Addison, una condizione in cui il tuo corpo non produce abbastanza cortisolo. I sintomi più importanti del cortisolo basso includono: diminuzione dell’appetito e perdita di peso, fatica, basso livello di zucchero nel sangue, voglie di sale, vertigini, nausea, vomito o dolore addominale, dolore muscolare o osseo. Mentre alti livelli di cortisolo possono sembrare più comuni, è importante essere consapevoli anche degli effetti del basso cortisolo.

Prevenire e Combattere un Aumento di Peso dovuto ai livelli di Cortisolo

Sebbene ci possano essere molti fattori di stress nella vita che potenzialmente contribuiscono a un aumento del cortisolo, esistono diversi metodi efficaci per gestire i propri livelli e prevenire o combattere l’aumento del peso corporeo.

Seguire uno Stile di Vita Consapevole

Un potente strumento per gestire l’aumento del peso dovuto allo stress è la pratica del mangiare consapevole. La consapevolezza deriva da un concetto buddista che significa essere pienamente presenti e consapevoli di ciò che si sta facendo in un dato momento. La consapevolezza del mangiare applica questo concetto al cibo, incoraggiandoci ad essere pienamente consapevoli della propria esperienza alimentare, inclusi segnali specifici, come fame, pienezza, gusto e consistenza del cibo. Un ampio studio trasversale ha trovato un’associazione tra la pratica del mangiare consapevole e un peso corporeo inferiore. Un modo semplice per iniziare a praticare il mangiare consapevole è eliminare le distrazioni durante i pasti, permettendoci di essere pienamente consapevoli dei segnali di fame e sazietà.

Affidarsi ad un Professionista Nutrizionista

Un altro modo potenziale per affrontare l’aumento del peso corporeo che potrebbe essere correlato a livelli elevati di cortisolo è parlare con un professionista qualificato della nutrizione e anche della psicologia in caso di stress psicologico ad esso correlato. Un professionista qualificato può fornire la giusta educazione alimentare e psicologica, oltre che gli strumenti necessari per prendere decisioni più salutari riguardo al cibo. Il duplice approccio per migliorare le proprie abitudini alimentari e il benessere è un ottimo passo per prevenire o combattere l’aumento del peso.

Rimanere Attivi

Uno dei modi, se vogliamo principali, per combattere l’aumento del peso è impegnarsi in un’attività fisica regolare. L’esercizio fisico regolare è stato associato a una riduzione dei livelli di stress e consente di essere più resilienti quando si presentano fattori di stress. Inoltre, l’esercizio stimola il rilascio di endorfine, che sono sostanze chimiche che favoriscono il benessere, promuovono la felicità e possono aiutare a gestire lo stress. Un’attività fisica regolare può anche favorire la perdita di peso corporeo e la sua gestione a causa delle calorie bruciate durante l’esercizio stesso.

Dormire in modo Ristoratore e più a Lungo

Il sonno è una variabile comunemente trascurata che ha un effetto significativo sui livelli di cortisolo e sul potenziale aumento del peso. Le interruzioni del sonno, sia croniche che acute, possono promuovere un malsano aumento dei livelli di cortisolo. Nel tempo, questo può avere un effetto negativo sul metabolismo e causare un aumento di alcuni ormoni legati alla fame e all’appetito, portando potenzialmente ad un aumento del peso. Pertanto, assicurarsi di dormire adeguatamente ogni notte può fare molto per mantenere livelli sani di cortisolo. La raccomandazione generale è quella di dormire 7-9 ore a notte, sebbene ciò vari in base all’età e ad altri fattori.

Praticare la Meditazione

Un altro potenziale strumento per la gestione dei livelli di cortisolo è la meditazione. Lo scopo della meditazione è allenare la mente a concentrarsi e reindirizzare i pensieri. Indipendentemente da quale tipo di meditazione si scelga (spirituale, mantra, trascendentale, yoga ecc…), la pratica della meditazione è stata associata a una riduzione dei livelli di cortisolo in varie popolazioni e può anche aiutare a migliorare la qualità del sonno.

 

Bibliografia

  1. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5115704/
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4465119/
  3. https://academic.oup.com/jcem/article/92/9/3553/2597859
  4. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5568897/
  5. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6021313/
  6. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11070333/
  7. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15211363/
  8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5373497/
  9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4540394/
  10. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4013452/
  11. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3632802/
  12. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5556592/
  13. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21130363/
  14. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6137864/
  15. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4688585/
  16. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6267703/
  17. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23724462/

Leave your Comment